Secondo il Tribunale di Rovigo, alla luce della qualificata giurisprudenza che ritiene la legittimità del piano di ammortamento alla francese, con esclusione di qualsivoglia effetto anatocistico correlato, il giudizio incardinato dal mutuatario per dedurre un’eterea illegittimità del piano di ammortamento a rate costanti, configura un uso pretestuoso dello strumento processuale.

Leggi l’articolo

Articolo pubblicato su Iusletter il 4 giugno 2019

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn