In tema di governo delle spese di lite, da sempre, la questione maggiormente dibattuta è quella attinente la compensazione delle spese e i margini discrezionali attribuiti al giudice di merito.

A partire dalla sua formulazione originaria l’art. 92 c.p.c. ha subito numerose modifiche in particolar modo negli ultimi anni. In epoca più risalente il secondo Comma del citato articolo aveva infatti un’impostazione molto meno tassativa, che spesso lasciava spazio ad un eccessivo potere discrezionale dei giudici.

Leggi l’articolo

Articolo pubblicato su Iusletter l’8 marzo 2019

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn